mercoledì 25 dicembre 2013

HIT PARADE ALTERNATIVA - SPECIALE CANZONI " SCOLLACCIATE" che fan fare dù risate oltre che cagare

HIT-PARADE alternativa a quella tradizionale annunciata dalla stragrande superiorità dei media più diffusi ovvero:
le canzone che non vedrete mai nelle classifiche ufficiali e neanche sentirete per radio, le canzoni che pur avendo un mercato di nicchia esistono e che meritano di avere una loro classifica quindi ci siam chiesti " perché non farla ? "....  la risposta al quesito come si si intuisce da questo post stesso e da altri passati e futuri è stata positiva e quindi ecco qua la tanto sospirata classifica .
a cura di a.s.s.m.
------------------------------------------------------------------------------------------

HIT PARADE VERGOGNOSA nel senso che chi le ha cantate se ne  vergogna ancor oggi ... o no?

nota bene 

la classifica di stavolta comprende canzoni edite in annate varie che hanno in comune il fatto di usare un linguaggio un pochettino osè pieno di doppisensi o parole volgari e per questo non andrebbero fatte sentire a persone al di sotto di una certa età o facilmente impressionabili anzi ai minorenni alcune dono proprio sono vietate, inoltre fanno letteralmente  cagare in quanto ad interpretazione e composizione insomma e per farla breve non sono sicuramente vere e proprie perle della musica mondiale, sicuramente non compariranno mai in una Hit Parade ufficiale però han dalla loro che  fanno fare 2 risate e sicuramente sono agli apici di una hit parade delle canzoni spazzatura .... 
comunque ascoltatele e poi giudicate voi e se vi piacciono cercatele in versione originale sia in download digitale che su supporto ottico o altro ,poi  comunicatelo al vostro prossimo , ai vostri parenti più stretti, agli amici , ai conoscenti ai non non conoscenti insomma un po a tutti, a chi vi pare ma badate bene non a noi di questo blog che ce ne strafreghiamo fin d'ora del vostro parere ...... bene ora dopo  aver messo le cose in chiaro  potete proseguire con l' auscolto ....

01)  MARINA : FINALMENTE HO COMPRATO L'UCCELLO



02 - Ponzio Pilato - Tu sei nata per fare la zoccola



03 - Veronica - Lui me lo dava



04 - Occhio Fino - La ballata del finocchio




05 - Piero Luna - la supposta




06 - il ballo del maiale



07 - Daniele Pace - Vaffanculo





08 - Enzo Parise ...e la mazza 




09Mauro Pelosi - Ho fatto la cacca




10 -  Il pennello di Raffaello



11 La ballata del cornuto



.. continua ....

martedì 24 dicembre 2013

BioPen: la mini stampante 3-D che vi disegna le ossa


Ossa nuove, su misura, on-demand. Se la prima cosa che vi viene in mente è l’Ossofast di Harry Potter, magica pozione che in una notte (tra atroci dolori) fa ricrescere tutta l’ossatura di un braccio, siete fuori strada.

La magia non è magia ma stampa in 3-D, e la location non è Hogwarts ma l’Università di Wollongong, dove un gruppo di scienziati australiani ha creato la BioPen. Si tratta di uno strumento non più grande di un pennarello, che permette ai medici di “disegnare” cellule e fattori di crescita su una lesione, in tempo reale, nel vero senso della parola: la BioPen è infatti caricata con un inchiostro a base di cellule staminali insieme a un polimero che, regolato da una fonte di raggi UV incorporata nello strumento, sigilla l’area con un guscio protettivo in modo che le cellule possano svolgere il loro compito senza interferenze.

Le cellule staminali del cosiddetto bio-ink possono differenziarsi in cellule muscolari, osteociti e cellule nervose: quello della BioPen è un inchiostro peculiare e facilmente modificabile, infatti può essere ulteriormente personalizzato e implementato nelle sue capacità con l’aggiunta di ormoni della crescita, o altre sostanze che aiutino nella guarigione.


Addio ai classici interventi chirurgici, benvenuta BioPen: potrebbero essere infinite le opportunità, sia negli ospedali che nei casi di emergenza. Se ad esempio qualcuno si infortunasse in un incidente, con danni più o meno gravi all’ossatura, uno strumento come questo potrebbe risolvere la situazione in poco tempo, agendo direttamente sull’area interessata.

Non è la prima volta che si parla di ossa stampate in 3-D, ma la precisione dei procedimenti non ha mai raggiunto questo livello e finalmente si passa da uno strumento come una classica stampante a qualcosa di piccolo e facilmente maneggiabile, molto più adatto a interventi delicati. La BioPen tuttavia deve ancora superare lo step dei test clinici, che verranno presto effettuati nell’ospedale St Vincent di Melbourne a opera di un team di chirurghi guidato da Peter Choong. Ci vorrà probabilmente un bel po’ di tempo prima che raggiunga il mercato, ma quando accadrà sarà una vera e propria rivoluzione.


LA CRISI UCCIDE ANCHE BABBO NATALE

 BABBO NATALE IS DEAD ?



La vera storia (antica) di Babbo Natale


Il 25 dicembre è la data di una festività religiosa. Gli antichi romani vi festeggiavano la festa del ‘Deus Sol Invictus’, nella quale si celebrava la vittoria della luce sulle tenebre, in concomitanza con la ripresa dell’allungamento delle ore di luce. Nella seconda metà del IV secolo, quando ormai il Cristianesimo era diventata religione di stato, la Chiesa ne assunse il simbolismo applicandolo a Cristo, sole nascente che viene nel mondo per portare la luce agli uomini. Oggi, invece, è la data di una straordinaria festa commerciale, il cui unico e affermato testimonial è Babbo Natale. Ma chi è realmente costui?

babbo-natale-san-nicola

Ogni anno, milioni di bambini in tutto il mondo aspettano con ansia l’arrivo di Babbo Natale. I genitori raccontano ai loro figli la storia di un uomo anziano con la barba bianca, vestito con un giubba rossa, che vive al Polo Nord e che ogni notte del 25 dicembre gira il mondo a bordo della sua slitta volante trainata da renne magiche per distribuire regali ai bambini più buoni.

In realtà, questa favola, che non ha nulla a che vedere con le storia vera che lega la figura di Babbo Natale al personaggio storico di San Nicola, è la sapiente opera di cesellatura portata avanti dai maghi del marketing. In realtà, il Babbo Natale vestito di rosso e con la barba bianca è un personaggio inventato.

Peggio. Un personaggio pubblicitario. Sono stati infatti i pubblicitari della Coca Cola, all’inizio degli anni ’30, a creare l’immagine del vecchietto sulla slitta, per promuovere la bevanda nei mesi invernali. In particolare il celebre illustratore Haddon Sundblom: fu lui a porre la firma al primo disegno del moderno Santa Claus.

Sarebbe bello, per amore di verità e di rispetto per i propri figli, che i genitori raccontassero anche la storia del vero Babbo Natale, un uomo che ha dedicato la sua vita alla cura dei bambini più poveri. La sua storia comincia con Nicola (270-343 d.C.), un uomo nato a Patara, all’epoca un villaggio greco, ma che poi è diventato parte della Turchia.

Come riportato sul sito del St. Nicholas Center, Nicola nasce in una famiglia benestante, dal quale riceve una solida educazione religiosa. Entrambi i suoi genitori morirono a causa di un’epidemia, quando Nicola era ancora molto giovane. Affascinato dalle parole di Gesù “va, vendi quello che hai e dallo ai poveri”, Nicola utilizzò tutta l’eredità lasciatagli dai genitori per aiutare i bisognosi, gli ammalati e i sofferenti.

Sentì ad un tratto di voler dedicare la sua vita a Dio, diventando vescovo di Myra ancora molto giovane. Il vescovo Nicola divenne subito noto in tutto il paese per la sua generosità verso i più bisognosi, il suo amore per i bambini e la sua attenzione per i marinai e le navi.

Sotto il regno dell’imperatore Diocleziano, il quale perseguitò spietatamente i cristiani, il vescovo Nicola ebbe a soffrire l’esilio e la prigionia. Le prigioni pare che fossero così piene di vescovi, sacerdoti e diaconi che non ci fosse più spazio per assassini, ladri e rapinatori. Dopo la sua liberazione, Nicola partecipò ai lavori del Concilio di Nicea del 325 d.C. La sua morte avvenne il 6 dicembre 343 d.C. A Myra, dove fu sepolto nella chiesa cattedrale.

Sono molte le storie che si sono tramandate sulla vita e le opere di San Nicola, le quali ci aiutano a comprendere il suo carattere straordinario e perchè fosse così amato e venerato come protettore dei bisognosi e dei bambini. In una di queste, si racconta che Nicola aiutò segretamente un povero padre di tre giovani donne con tre sacchetti pieni d’oro.

Se le tre figlie non avessero avuto una buona dote, non avrebbero trovato marito e sarebbero state vendute come schiave. I sacchetti con l”oro, lanciati attraverso una finestra aperta, finirono in alcune calze lasciate ad asciugare davanti al fuoco del camino. Ed è così che nacque l’usanza per i bambini di appendere le calze per ricevere i regali di San Nicola.

Altre storie raccontano di come Nicola salvò il suo popolo dalla carestia, difese gli innocenti ingiustamente accusati e aiutò i bambini bisognosi. Molte delle sue azioni erano compiute in segreto, senza aspettarsi nulla in cambio. Nel giro di un secolo dalla sua morte fu riconosciuto e celebrato come un santo. Oggi è venerato in Oriente e Occidente come patrono di una grande varietà di persone: bambini, marinai, orfani, viaggiatori, poveri, fanciulle da marito, vittime di errori giudiziari e prigionieri.

Attraverso i secoli, San Nicola ha continuato ad essere venerato dai cattolici, ortodossi e protestanti. Con il suo esempio di generosità verso chi è nel bisogno, specialmente i bambini, San Nicola continua ad essere un modello per uno stile di vita basato sulla cura altrui e sull’affetto gratuito.

Almeno fino a quando le multinazionali non ne sterilizzeranno completamente la figura facendone un testimonial commerciale. Una società civile, a prescindere dall’orientamento religioso dei suoi componenti, non dovrebbe permettere l’annacquamento delle proprie figure ‘eroiche’ tradizionali.

Certamente, le religioni (tutte) hanno commesso errori e misfatti nel corso della storia, ma hanno sempre rappresentato un baluardo contro la completa ‘cosificazione’ della vita e l’ultimo contatto con la domanda sul senso della vita. Nel disegno scellerato di chi vuole trasformare l’uomo in uno schiavo-consumatore, le religioni hanno il fastidioso pregio di stimolare il contatto con la dimensione spirituale dell’esistenza: non bisogna permettere il loro annientamento, sia per ragioni culturali che per ragioni antropologiche.

Ed è questo l’augurio che facciamo a tutti gli amici del Navigatore Curioso per questo Natale 2013: possiate rimanere in contatto con la dimensione spirituale dell’Universo, perchè la vita, a poco a poco, vi sveli il suo meraviglioso segreto. Buon Natale a tutti.

Fonte:vai
******************************************************************************************************
intanto nei palazzi del potere ...................


TOH CHE CASO...

Serracchiani, al maneggio della presidente la Regione dà 40mila euro

La governatrice Debora ha una passione per i cavalli. Ed ecco che nella manovra del Friuli Venezia Giulia spunta un emendamento "ad equinum"


http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/1376504/Serracchiani--al-maneggio-della-presidente-la-Regione-da-40mila-euro.html
*******************

I soldi per l'editoria e per i giornali asserviti non mancano mai. Anzi, nel 2013 aumentano. E' il miracolo italiano di Capitan Findus Letta: il rilancio della carta stampata. Un mercato che sta scomparendo in tutto il mondo, ma che in Italia, grazie alla lingua sovrasviluppata di una classe di pennivendoli, non conosce freni. 
Legge di stabilità per il 2013: 137 milioni di euro
Legge di stabilità per il 2014: 175 milioni di euro
Legge di stabilità per il 2015: 119 milioni di euro
Legge di stabilità per il 2016: 120 milioni di euro
Siamo al 70simo posto per la libertà di stampa nel mondo grazie a una serie di sovvenzioni dirette e indirette, all'occupazione militare dell'informazione.
Le ricche elemosine di Stato per il 2013 non sono ancora note nel dettaglio, ma affinché il panettone che il Nipote mangia con avidità, vi rimanga sul vostro stomaco di contribuenti sono elencati alcuni giornali con i soldi ricevuti nel 2012.
I fondi per l'editoria vanno aboliti dal 2013. Giornale vive se lettore compra. Se lettore non compra giornale chiude. E' la legge del mercato che, per i giornalisti amici, non si applica mai.

I finanziamenti pubblici ai giornali percepiti nel 2012, la Top 10:
- Avvenire: 4.355.324 di euro
- Italia Oggi: 3.904.773 di euro
- L'Unità: 3.615.894 di euro
- Il Manifesto Quotidiano Comunista: 2.712.406 di euro
- Cronaca qui.it: 2.361.897 di euro
- La Padania: 2.001.468 di euro
- Il Foglio: 1.523.106 di euro
- Il Corriere Mercantile: 1.434.850 di euro
- Europa: 1.183.113 di euro
- Il Secolo d'Italia: 992.804 di euro


NB: Per Radio Radicale sono stanziati 10 milioni per il 2014 e 10 per il 2015 (convenzione tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Centro di produzione Spa, titolare di Radio Radicale)

fonte
******************************

i casi simili sarebbero numerosi ma non è per questo che ce la prendiamo più di tanto se ce la prendiamo è per il fatto che quando servono per malati , per la povera gente etc i soldi o  non si trovano mai oppure ce ne son sempre pochi e nulla poi però spuntano 'ste boiate che ci fanno vergognare di essere della stessa razza di chi  'ste cose le inventa , propone e fa .... oltre che farci domandare " ma che faccia tosta ci hanno loro qui, ? " e anche " ma come possono/possiamo permetterlo ? " , per il possiamo ( e parliamo dei politici ) la risposta risiede nei numerosi scandali passati , presenti e futuri a loro dedicati, sul come possiamo noi cittadini Italiani permettere ciò?,, bhè, qui la risposta si fa un pochino complicata
*************************************************************************************************************************
Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia si picchiano senza pietà 

Allenamento mattutino con Krav Maga per Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia



Via Instagram da tempo dichiaratamente innamorata del Krav Maga, ha pubblicato 3 video in cui prende a legnate la bionda Corvaglia, con foga e spirito agonistico. ‘Morning training‘ ha commentato divertita un’agguerrita Elisabetta, con la Maddalena molto più esplicita e candidamente preoccupata: ‘Su la guardia Corvaglia sennò la sarda mena!!! Meno male che ci vogliamo bene….perché altrimenti….



****************************************************************************************
le buone notizie ....   le buone notizie ....    le buone notizie ....   le buone notizie ....



RAGNARÖK: LA FINE DEL MONDO SI AVVICINA ED È PREVISTA PER IL 22 FEBBRAIO 2014




Dopo la profezia dei maya, secondo la quale il 21 dicembre 2012 avrebbe dovuto finire il mondo, ecco che arriva quella della popolazione vichinga, che pone come data di scadenza il 22 febbraio 2014.
Conosciuta come Ragnarök (destino degli dei), l’apocalisse vichinga prende il via con il suono del corno del dio norreno Heimdallr. Alla fine dei tempi, le forze del caos (disordine) primordiale, sotto la guida di Loki, spezzeranno le loro catene e prenderanno il sopravvento sul cosmo (ordine), dando via alla battaglia finale.


I segni dell’approssimarsi della fine saranno individuabili nella elevata immoralità dell’umanità: i fratelli si combatteranno l’un l’altro per uccidersi; nessun uomo avrà pietà per l’altro uomo  Si sentirà di unioni aberranti tra fratelli e sorelle, e tra genitori e figli; la prostituzione sarà ampiamente diffusa.

Secondo le leggende vichinghe, un altro segno premonitore dell’Apocalisse sarà l’avvicendarsi di tre inverni gelidi, uno dietro l’altro. Durante l’Apocalisse, il Sole si oscurerà perché verrà divorato dal lupo Skoll, mentre suo fratello Hati provvederà a cibarsi della Luna. Le stelle cadranno e la terra sarà consegnata all’oscurità eterna. Ci saranno grandi terremoti , il mare si riverserà sulla terra e il cielo sarà macchiato di sangue.

Le due forze contrapposte si annienteranno a vicenda, distruggendo con loro l’intera creazione. Dalle sue ceneri, tuttavia, risorgerà un nuovo mondo, prendendo il principio da una nuova coppia superstite della battaglia, Líf e Lífþrasir, ricominciando così un nuovo ciclo di ascesa e decadenza.

martedì 17 dicembre 2013

VERONICA DE SIMONE  DOPO VOICE OF ITALY ................. SANREMO 2014

la cantante MAssese sarà una delle nuove proposte del prossimo Sanremo a lei un grande in bocca al Lupo!!!!

il brano che presenterà dal titolo " Nuvole che passano "  potete trovarlo alla pagina dedicata a Sanremo 2014 dalla Rai .. sotto il link diretto

Vereonica parlando del suo rapporto con la musica dice

http://www.sanremo.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-1d6ba45a-5b4c-4089-a030-220b0e6a12b0.html

 “Sono stata fin da piccola una grande ascoltatrice di musica… Il mondo unico in cui mi rifugiavo e sognavo ma non avevo mai pensato di cantare. I miei punti di riferimento che mi hanno ispirata e cresciuta musicalmente e umanamente sono da sempre Jess Buckley, Ray Charles, Marvin Gaye, Bob Marley, Led Zeppelin, Mia Martini e Fabrizio De Andrè. Le persone che ascoltano percepiscono queste mie emozioni. Quando comincio a cantare sento dentro la pancia un’esplosione atomica, poi mi lascio andare e tutto diventa magia

si ricorda ceh Veronica ha già pubblicato un suop disco " nati Liberi " uscito subito dopo la partecipazione a Voice of Italy



http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2013/03/16/news/veronica-una-voce-da-brivido-per-la-carra-1.6714698
http://lamusicasecondococchio.blogspot.it/2013/07/veronica-de-simone-nati-liberi-tracklist-testi-video-download.html

****************************************************************************************************
EMINEM E RIHANNA INSIEME IN UN VIDEO ( e 2 )



/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 ANETTE OLSON -  dopo i Nightwish? ma solista no !!!!


venerdì 13 dicembre 2013

l' EUROPA è DEI potenti o possiamo decidere qualcosa anche noi?

ripeto l' EUROPA è DEI potenti o possiamo decidere qualcosa anche noi?


l' Europa Unita sembra non piacere proprio a tutti, questa unione di nazioni che nelle intenzioni vorrebbe diventare un' unico grande paese dove tutti gli abitanti avrebbero uguali diritti e opportunità  potendo circolare tra i vari paesi senza tante restrizioni, quaeta grande confederazione  che sulla carta sembrava una gran cosa , alla prova dei fatti non sembra essere quello che in molti credevano, la crisi in atto ne ha fatto emergere le tante contraddizioni, le forti differenze e le separazioni nette tenute e volute fortemente dai paesi più forti economicamente tra una nazione e l'altra;  di fatto un Europa forse unita sulla carta ma divisa in maniera marcata secondo le varie potenzialità economiche dei singoli paesi che la compongono.
l'Europa com'è ora sta mostrando una faccia che a molti non piace , paesi tradizionalmente meno forti si stanno accorgendo che dopo aver aderito in toto all'unione monetaria sono diventati più poveri e si trovano costretti ad ubbidire alle regole cui sono sottoposti tutti i paesi facenti parti dell'unione,  regole che hanno reso inequivocabile chi  e su cosa è basata l' Europa di adesso, chi comanda e perché, chi è più debole economicamente e per questo semplice fatto comanda di meno e chi è diventato da semplice paese alleato con cui scambiare accordi etc un padrone di quasi tutto visto il potere che le regole Europee gli da

c'è chi dice che quei paesi che ora stanno discutendo se quelle regole siano giuste o no , se vadino cambiate, aggiustate in base alla realtà e alle evidenze portate a galla riguardanti possibili incongruenze etc  etc se non fossero entrati nell'euro ora starebbero peggio di come stanno , chi lo afferma e sono in molti, non sa veramente se ciò corrisponda al vero oppure no, si limita ad affermarlo rafforzando la tesi proposta con argomenti più o meno discutibile che alla fine non danno risposte vere e lasciano senza risposte confermative e definitive il quesito di base,

c'è un paese che però all'epoca non entrò nell' euro per propria scelta, un paese che non vedeva di buon occhio i trattati, le regole etc scritti dai burocrati del tempo a cui i paesi partecipanti alla futura unione monetaria sarebbero stati di lì in poi assoggettati, un paese che non voleva perdere la sua storia , il comando del suo destino  e via così discorrendo alla fine un paese che voleva stare in Europa restando se stesso e non diventando una sigla o poco più, questo paese è l'Inghilterra forse il paese che nella storia più recente ha fatto valere più di altri le proprie ragioni resistendo e difendendosi da ideologie discutibili che son state cause di immani tragedie, difendendo il valore della libertà dell'individuo pur essendo un paese monarchico e avendo all'interno dell'unione   vari problemi, un paese che ancora oggi attacca nei luoghi dove ciò va fatto quello che secondo lei è un patto scellerato che all'apparenza sembrerebbe avere solo vantaggi ma che poi secondo molti è un enorme fregatura tesa a dare il vero potere ai soli ricchi relegando tutti i restanti a pedine di poco conto

sotto un loro rappresentante ne " canta " 2 o 3 ai burocrati dell'Europa



questa persona è uno dei tanti parlamentari Inglesi che dice quello che pensa dell'Europa di ora, non è un leghista o uno del movimento 5 stelle oppure un sabotatore estremista o terrorista è un parlamentare che rappresenta la sua terra è dice quello che vede ,,,
e se avesse ragione?

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/12/13/ue-bloom-a-strasburgo-non-appena-capiranno-vostri-inganni-vi-impicheranno/258101/



Guardate queste cartina, parla meglio di qualsiasi commento sulla situazione economica dell’Europa. La maggior parte dei Paesi della zona Euro sono in recessione (colorazione rossa) oppure registrano una crescita del Pil tra lo 0 e l’1%. Due soli Paesi che hanno la moneta unica registra una crescita superiore al 2% e sono la Slovacchia e l’Estonia. Tutti gli altri in verde (crescita appunto superiore al 2%) o sono fuori dalla Ue o ne fanno parte ma non hanno ancora adottato la moneta unica, tipo la Polonia che non entrerà prima del 2015 o la Lituania che ha già detto che l’ingresso nel 2014 è irrealistico.

http://www.lindipendenza.com/ecco-leuropa-che-cresce-senza-euro-e-quella-che-va-a-ramengo/



alla fine l'EURO che doveva essere una moneta che univa sta dividendo e anche tanto

http://www.consaplucca.it/?p=5095
http://it.wikipedia.org/wiki/Euro

mercoledì 11 dicembre 2013


///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////************************\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\






prossimmente al cinema

martedì 10 dicembre 2013

immagina ( prima parte )

inizia la pubblicazione dell'opera monumentale in ben  tot pagine dal titolo 

                           " IMMAGINA "

                                    parte 1






Continua .......



**************************************************************************************************************************************************************************
ATTENZIONE !!!  ....  ATTENZIONE !!!  ....  ATTENZIONE !!!  ....   ATTENZIONE !!! 
la canzone che sentite non proviene dall' "ADE" ma dal player sottostante, se vi da noia potete stopparla interagendo col comando apposito sennò sentitela tutta , il player la eseguirà un'unica volta , questo ogni volta che aprirete questo post o la pagina in cui questo post si trova .